Mozione o Solidarietà? …

Mozione o Solidarietà? …

Mozione o Solidarietà?

Il Sindaco non dice il vero!
Non accettiamo strumentalizzazioni politiche sul caso.

La mozione presentata ieri dal PD non faceva alcun cenno ai fatti che hanno visto coinvolto il Sindaco Ricci (l’abbiamo allegata, potete controllare), ma chiedeva di far esprimere il Consiglio su un tema complesso che va approfondito e non affrontato con urgenza.

Avremmo votato favorevolmente e subito ad una mozione che avesse chiesto una posizione di solidarietà al Sindaco e condannasse ogni tipo di minaccia.

Il nostro consigliere Alessandrini lo ha spiegato nel suo intervento (a seguire).

Consiglieri Comunali M5S Pesaro.

Presentazione libro: “Morte dei Paschi”

Presentazione libro: “Morte dei Paschi”

Venerdi 15/12/17 avremo un incontro pubblico con Elio Lannutti e Franco Fracassi autore e coautore del libro “Morte dei Paschi” un libro che parla del suicidio di David Rossi,dei risparmiatori truffati, e di chi ha ucciso, la banca di Siena. Saranno con noi,Daniele Pesco,deputato M5S che ha scritto la prefazione del libro e Andrea Cecconi M5S. Vi aspettiamo

PRIVATI NEGLI OSPEDALI PUBBLICI?  …

PRIVATI NEGLI OSPEDALI PUBBLICI? …

PRIVATI NEGLI OSPEDALI PUBBLICI?
IL M5S NON CI STA E LANCIA UN APPELLO ALLA MOBILITAZIONE

Di seguito l’appello in difesa dell’ospedale pubblico di Cagli che i gruppi 5 stelle della provincia di Pesaro e Urbino rivolgono a sindaci, sindacati, comitati e cittadini, medici ,addetti ai lavori , e le forze politiche di tutto il territorio provinciale

Il modello Sassocorvaro sta per essere esportato in tutta la provincia?

La gestione privata è il destino degli ex ospedali di Cagli e di Fossombrone e, in un futuro vicinissimo, anche del Santa Croce di Fano?
Con tutto il peso dell’emergenza sugli altri nosocomi rimasti, già in evidente difficoltà.

La risposta dipende solo da noi e dalla nostra capacità di ricordare quello che ci é stato appena tolto, in nome di leggi che imponevano solo un tetto massimo di posti letto pagati con i soldi pubblici, e non certo la chiusura forzata dei piccoli ospedali.
La risposta dipende dal nostro coraggio, che non può e non deve piegarsi alla paura del “meglio il privato di niente”, dalla nostra intelligenza di unire le forze e difendere insieme la sanità pubblica.
Perché non esiste una sola ragione che giustifichi la privatizzazione dei nostri ospedali, a parte l’incapacità di organizzare un servizio pubblico efficiente e sicuro, oppure una precisa scelta politica.

Non sappiamo se, nonostante le proteste, chi sta decidendo queste trasformazioni si fermerà, e purtroppo dopo la tristemente famosa delibera 735 confermata e peggiorata dall’attuale amministrazione regionale, temiamo di no.
Ma ALMENO deve essere chiaro che questa operazione viene compiuta CONTRO il parere delle comunità. E, qualsiasi cosa accada, ricordiamo sempre che ogni scelta è reversibile.
Perché altre amministrazioni potranno restituirci il diritto ad un servizio ospedaliero stabile e non legato a convenzioni temporanee, o al rischio che se il privato chiude si ferma tutto come è già successo a Sassocorvaro nel 2016.

Ricordiamoci sempre che i posti letto ospedalieri pubblici a Cagli, Fossombrone e Sassocorvaro c’erano, e che solo pochi mesi fa ci hanno raccontato che andavano tagliati per legge.
Ricordiamoci tutte le sofferenze di coloro che in questi anni hanno penato per trovare un posto letto, gli anziani angosciati, e l’ansia delle loro famiglie di vederli ricoverati chissà dove.
Ricordiamoci che i nostri ospedali pubblici hanno resistito fino ad oggi grazie all’abnegazione e alle capacità organizzative e tecniche di chi ci lavora.
E che essi sono, ancora oggi, un’immensa ricchezza pubblica. Difendiamola insieme.

Adesso, partecipando al PRESIDIO IN DIFESA DELLA SANITA’ PUBBLICA che si terrà sabato 16 dicembre dalle ore 10 davanti all’ospedale di Cagli.

I gruppi 5 stelle dell’area vasta 1

Articoli Resto del Carlino e Corriere Adriatico 5.12.2017

Lunedì consiglio comunale. …

Lunedì consiglio comunale. …

Lunedì consiglio comunale.
Ci sarà una nostra interrogazione e 5 nostre mozioni.
Un lavoro fatto di concerto con gli attivisti.
Ora stiamo ultimando gli interventi.
Stay tuned.

Quello che è accaduto la notte scorsa alla Scuola …

Quello che è accaduto la notte scorsa alla Scuola Elemantare “Anna Frank” è l’azione più barbara che possa accadere.
Il continuo diffondersi di episodi offensivi del ricordo dell’olocausto e in questo caso del ricordo di Anna Frank, vittima dell’orrore nazista, è molto preoccupante e vergognoso.
Occorre che l’educazione alla diversità e alla memoria si svolga in maniera capillare e costante, perché tali abomini non si ripetano mai più.

I portavoce in consiglio comunale M5S Pesaro

Delle Noci ha annunciato la riduzione della TARI …

Delle Noci ha annunciato la riduzione della TARI …

Delle Noci ha annunciato la riduzione della TARI dell’1,5%! Bene!
Se la cantano e se la suonano!

Chi ha votato due anni fa l’aumento dell’1,5%?
Gli stessi che oggi si fanno belli per la sua riduzione!
Vogliamo ricordare poi che lo stesso aumento fu ingiustificato, considerati gli svariati milioni di utili di MMS?

L’aumento della TARI è una delle tante delibere ingiustificate, votate dalla SOLA maggioranza, che ha sempre dimostrato di aver poco a cuore gli interessi dei cittadini e di tendere la manina a Hera (socio privato)!
Come giustifica infatti questa maggioranza la vendita delle quote a Hera o la cessione del consigliere del cda di competenza della Provincia a Hera, quando noi proponemmo di cedere il consigliere ai numerosissimi piccoli comuni della nostra Provincia?
Con che faccia la maggioranza votò l’aumento della Tari, di fronte a 9 milioni di utili e a nessun miglioramento da anni del servizio di raccolta dei rifiuti?

Siamo fermi! Da anni!
Nessuna innovazione, nessun investimento!

L’unica novità introdotta è stata la raccolta porta a porta della SOLA frazione secca nei quartieri di Villa Fastiggi, Villa San Martino e Villa Ceccolini! Metodo per altro di dubbio valore, visto che, se da una parte aumenta la quantità di raccolta differenziata, ne diminuisce la qualità (come dimostrano esperienze nel Nord Italia), con conseguente danno economico per i Comuni che avranno meno entrate dalla vendita di materiale differenziato di minore qualità!

La Foronchi annuncia la tariffazione puntuale, ma come può convivere la tariffazione puntuale con la raccolta di prossimità?

Più differenzi e meno paghi (giusto!!), ma ti do la possibilità di fare il furbo e andare a buttare i rifiuti nei quartieri limitrofi, dove ci sono i bidoni!
Possibile che le cose debbano essere fatte sempre a metà? Possibile che non si riesca a mettere avanti la tutela dell’ambiente e quindi della salute dei cittadini a quelli di una azienda capitanata da Hera che ha tutti gli interessi a fare utili e a risparmiare sui servizi?

I portavoce in consiglio comunale M5S Pesaro

Articoli Corriere Adriatico e Resto del Carlino 18.11.2017

È  inaccettabile come l’assessore Belloni …

È inaccettabile come l’assessore Belloni …

È inaccettabile come l’assessore Belloni minimizzi in questo modo quel che è successo nella scuola elementare Carducci.

I lavori sono stati eseguiti da pochissimo (questa estate) e ora si stacca un pannello.
Dice che è leggerissimo, ma se, come dichiara, si è staccato per le infiltrazioni vuol dire che era inumidito e quindi anche aumentato di peso.
Se il pannello fosse caduto su una bambina di taglio e non piatto…tutte le sue certezze “nessuno si sarebbe fatto niente” svanirebbero.
È il bagno di bambine che fanno le elementari.

Annuncia anche che la risoluzione del problema delle infiltrazione è nel programma di interventi per le scuole, quindi problema già evidenziato in passato e nonostante questo ancora non risolto.

Insomma in poche righe una serie di bestialità che poteva evitare chiedendo solo scusa per l’accaduto e facendo sistemare al più presto il problema della infiltrazione.

Nelle scuole non esistono i se e i ma… specialmente quando una amministrazione ha soldi per piastrelle nuove davanti alla Sfera di Pomodoro (400.000€) e rimanda lavori nelle strutture scolastiche.

Un assessore non può improvvisarsi esperto in urbanistica impiantistica e messa in sicurezza degli edifici!
Belloni con queste dichiarazioni è diventato il difensore degli errori.

L’incoscienza di aspettare che qualcosa accada, prima di prevenire e difendere l’indifendibile: inaccettabile assessore Belloni!!!

I portavoce in consiglio comunale M5S Pesaro

PRIORITÀ  …

PRIORITÀ …

PRIORITÀ
“Se non comunichi non esisti”

Questa frase è diventata un mantra per il Sindaco, che deve soddisfare continuamente la necessità di apparire, comunicare quello che ha fatto, che vorrebbe fare e anche quello che non farà mai.

È sicuramente il Sindaco che ha avuto a disposizione più soldi di tutti quelli che lo hanno preceduto (decine di milioni di euro derivanti dalle tasse dei suoi concittadini), ma di un progetto organico e strutturale di investimenti nessuna traccia.
Così ha pensato di “investire” in tantissimi asfalti anche dove non serviva farli, un esempio su tutti il rifacimento del parcheggio di V.S. Martino per l’arrivo di Gentiloni!

Ogni tipo di scelta di spesa l’ha fatta pensando alla propria visibilità!

Soldi spesi non scegliendo un criterio di priorità oggettivo, ma valutando la “convenienza” politica.

Alcune sono condivisibili? Sicuramente! Altre per niente!

Da anni, in ogni sede istituzionale e non, diciamo che le scuole dovrebbero avere la priorità assoluta nelle scelte di investimento.
Nel nostro territorio comunale solo una percentuale irrisoria è conforme alle norme antisismiche attuali.

Non esiste una reale mappatura della stato degli immobili e “solo” (purtroppo) per l’avvenuto terremoto, un minimo di coscienza si è mossa e inizierà un (lungo) processo per capire con dei carotaggi lo stato dell’arte.

Ma oltre al rischio sismico, tante sono le scuole che continuano a soffrire ad ogni pioggia di infiltrazioni più o meno gravi.

Ora verrà costruita una nuova scuola (bene), ma non è così che si sistemano le altre.

Sappiamo che intervenire su un tetto non ha nessun impatto mediatico, costruirne una nuova, e far mettere le prime pietre al ministro ne ha un altro.
L’ “annuncite” e le inaugurazioni sono diventate l’attività principale del nostro primo cittadino!
Ma la sostanza è ben diversa e secondo noi disporre di tutti quei milioni e non provare nemmeno a fare lo sforzo di creare un progetto ad ampio respiro e a lungo termine è davvero un’occasione persa!
Sarebbe stata anche una occasione per coinvolgere i cittadini nelle scelte!
Quali sono le priorità e cosa farebbe un qualsiasi cittadino, con 30/40 milioni di euro da poter spendere per il bene della Città?

I portavoce in consiglio comunale M5S Pesaro

Articolo Resto del Carlino 16.11.2017

LA  VISIONE FUTURA DEL BOCCIODROMO …

LA VISIONE FUTURA DEL BOCCIODROMO …

LA VISIONE FUTURA DEL BOCCIODROMO

Essere Città dello Sport e avere soldi per realizzare una struttura completa, in pieno centro, partendo da un foglio bianco, e poi presentare spavaldamente un progetto da 1.580.000 euro per 4 campi da bocce con cucina, come lo definereste?

E’ senz’altro una scelta politica, e sicuramente noi avremmo utilizzati diversamente tutti quei soldi (dei cittadini), ma visto che l’Amministrazione sostiene sui social che questo progetto ha contribuito a far vincere il bando delle Periferie sentiamo il bisogno di dire che NON E’ VERO e lo dimostra una delibera di Giunta del 2015!

In ogni caso, quello che proprio non ci spieghiamo è: perchè non sfruttare risorse e luogo per un progetto più ampio e finalizzato a diverse discipline sportive?

Forse perchè lo abbiamo chiesto noi con una mozione? (non riusciamo a darci altre risposte!)

Peccato Sindaco che non ci voglia mai ascoltare… e siamo sempre noi quelli del NO….

Peccato perchè secondo noi diverse discipline sportive, FRA CUI LE BOCCE, avrebbero davvero portato ad una riqualificazione della zona (non basta il parcheggio e l’area camper) e avrebbero coinvolto, in una stessa struttura, intere famiglie e generazioni differenti.

In quest’ultimo progetto, diverso dal precedente, è stato annunciato che verranno inserite anche altre discipline, fra cui l’arco e il basket.

Dove? Non è così!

Prima sul tetto ci sarebbe stato un terrazzo, ora ci saranno i pannelli.

Prima c’era una tribuna con 210 posti, ora quello spazio, in fondo ai campi di bocce, definito “area libera”, può essere utilizzato come eventuale prolungamento del campo di bocce per allestire un campo di basket (impossibile da attuare sui campi stessi), per il tiro con l’arco (che si deve adattare alle misure che ci sono), per il pubblico (con eventuale tribunetta per quello seduto).

Il tutto in quel piccolo spazio!

Questa è l’unica zona polivalente!

Tutto il resto del progetto?

La sala riunioni è rimasta, il bar è rimasto, la sala biliardi è rimasta, la sala ricreativa è rimasta, ma soprattutto LA CUCINA è rimasta! In tutto più di 300 mq.

Verrà chiamato impianto sportivo o centro sociale?

Siamo sicuri che nella “visione futura” del Sindaco non mancheranno, oltre alle bocce, le tombole le briscole e le serate danzanti!

“Sarà 3 volte Natale e Festa tutto l’anno” recitava un grande.

Ma lo Sport è ben altro

I portavoce in consiglio comunale M5S Pesaro

Foto articoli Resto del Carlino e Corriere Adriatico 13.11.2017

Siamo contro il Rosatellum  …

Siamo contro il Rosatellum …

Siamo contro il Rosatellum
Siamo contro questa legge vergogna.
Sosteniamo ogni manifestazione che va contro questa legge.

No ad una Legge elettorale che:
• continua ad imporci parlamentari nominati dai capipartito
• ci infligge un voto unico, quindi gli elettori non potranno scegliere il candidato che preferiscono nel collegio uninominale e una lista di un altro partito nella parte proporzionale
• viene imposta con il voto di fiducia sacrificando il ruolo del Parlamento.

Questa sera a Pesaro in piazza del Popolo (angolo via Branca) dalle ore 18,30 alle 19.
Partecipate.