/ marzo 16, 2018/ M5S-Pesaro

Ieri e oggi sui giornali si parla di trivellazioni!

Vorrei esprimere il nostro disappunto nei confronti dell’atteggiamento dell’assessore Franca Foronchi che dice:
“Approfondirò la questione con i Sindaci di Fano e Gabicce Mare per comprendere se ricorrono i presupposti per un eventuale ricorso al TAR o dinanzi al Capo dello stato, ma siamo consapevoli che i Comuni possono fare poco”

L’assessore avrebbe dovuto avere le idee chiare a quest’ora, visto che il 25 gennaio del 2016 (piu di un anno fa!!!!) il Consiglio Comunale ha votato all’unanimità la mozione del M5S con la quale si impegnarono Sindaco e Giunta a mettere in atto tutte le iniziative possibili per ostacolare questo progetto, tra le quali la valutazione del ricorso al TAR.

Come mai ancora non ha fatto nulla?
Come mai tanta indecisione?
Come mai ha bocciato, lo scorso gennaio, la mozione con cui il M5S ha chiesto l’adesione del Comune di Pesaro al ricorso avviato da Cattolica?

Intanto il sindaco di Cattolica ha aperto le danze e ha presentato il ricorso al TAR e, per fortuna, anche i Sindaci di Coriano e Morciano hanno aderito.

Purtroppo l’azione pesarese rimane quella di facciata, quella di chi a parole dice di essere contrario ad un’opera che devasterebbe il nostro territorio, nei fatti, perde tempo, cade dalle nuvole ogni qualvolta si parla di atti concreti!

Assessore, i Comuni sono gli unici enti che possono difendere il proprio territorio (e sentenze passate lo dimostrano) perché a livello nazionale gli interessi delle multinazionali spingono verso decisioni lontanissime dagli interessi delle comunità locali!

Se non lo facciamo noi chi altri?

Silvia D’Emidio
Portavoce M5S Pesaro
Commissione Ambiente Mobilità Energia

Articolo Corriere Adriatico 16.03.2018

Share this Post