/ marzo 22, 2018/ M5S-Pesaro

SERVE UNA CONFERENZA D’AREA VASTA URGENTE

Il M5S dice NO alla proposta di legge sulle sperimentazioni gestionali aperte ai privati.

Sospensione, fino all’approvazione del nuovo Piano sanitario regionale, di qualunque processo di privatizzazione dei servizi ospedalieri e dell’iter della proposta di legge regionale 145 sulle sperimentazioni gestionali in sanità aperte ai privati che prevede anche l’utilizzo dei beni immobili e mobili pubblici.

Questa la richiesta urgente del M5S alla Regione e al Presidente della Conferenza d’area vasta, dopo aver appreso che la commissione regionale sanità giovedì 22 marzo potrebbe decidere di approvare la proposta di legge 145.

A meno di 2 settimane dal voto la Regione tira dritto, anche se già i Consigli comunali di 2 città sedi di ospedale della nostra provincia, Fossombrone e Urbino, hanno chiesto di discuterne in assemblea dei sindaci.

Anche se da mesi il M5S ne ha evidenziato le inaccettabili differenze tra la proposta di legge 145 e la norma nazionale di riferimento, tra cui ad esempio:

durata fino a 6 anni delle sperimentazioni con possibilità di proroga a discrezione della Giunta rispetto al triennio della legge nazionale sperimentazioni non comprese nella programmazione del SSR, se giudicate dalla Giunta di interesse pubblico non viene
privilegiato il coinvolgimento delle ONLUS (organizzazioni non lucrative di utilità sociale)
diritto di prelazione per il soggetto privato che abbia preventivamente proposto un programma di sperimentazione gestionale, se ritenuto dalla Giunta di interesse pubblico.

Inoltre la sua approvazione renderebbe immediatamente
inefficaci molti dei criteri di garanzia previsti dalla norma nazionale di riferimento, che ad oggi invece devono essere rispettati integralmente.

I Sindaci e Consiglieri comunali e regionale del M5S dell’Area Vasta

Articoli Corriere Adriatico e Resto del Carlino 22.03.2018