Ieri e oggi sui giornali si parla di trivellazioni

Ieri e oggi sui giornali si parla di trivellazioni

Ieri e oggi sui giornali si parla di trivellazioni!

Vorrei esprimere il nostro disappunto nei confronti dell’atteggiamento dell’assessore Franca Foronchi che dice:
“Approfondirò la questione con i Sindaci di Fano e Gabicce Mare per comprendere se ricorrono i presupposti per un eventuale ricorso al TAR o dinanzi al Capo dello stato, ma siamo consapevoli che i Comuni possono fare poco”

L’assessore avrebbe dovuto avere le idee chiare a quest’ora, visto che il 25 gennaio del 2016 (piu di un anno fa!!!!) il Consiglio Comunale ha votato all’unanimità la mozione del M5S con la quale si impegnarono Sindaco e Giunta a mettere in atto tutte le iniziative possibili per ostacolare questo progetto, tra le quali la valutazione del ricorso al TAR.

Come mai ancora non ha fatto nulla?
Come mai tanta indecisione?
Come mai ha bocciato, lo scorso gennaio, la mozione con cui il M5S ha chiesto l’adesione del Comune di Pesaro al ricorso avviato da Cattolica?

Intanto il sindaco di Cattolica ha aperto le danze e ha presentato il ricorso al TAR e, per fortuna, anche i Sindaci di Coriano e Morciano hanno aderito.

Purtroppo l’azione pesarese rimane quella di facciata, quella di chi a parole dice di essere contrario ad un’opera che devasterebbe il nostro territorio, nei fatti, perde tempo, cade dalle nuvole ogni qualvolta si parla di atti concreti!

Assessore, i Comuni sono gli unici enti che possono difendere il proprio territorio (e sentenze passate lo dimostrano) perché a livello nazionale gli interessi delle multinazionali spingono verso decisioni lontanissime dagli interessi delle comunità locali!

Se non lo facciamo noi chi altri?

Silvia D’Emidio
Portavoce M5S Pesaro
Commissione Ambiente Mobilità Energia

Articolo Corriere Adriatico 16.03.2018

https

https

https://www.facebook.com/radioprimaretepesaro/videos/1842807849085892/?t=853

SANITÀ – NEL VOTO IL PESO DELLA POLITICA LOCALE …

SANITÀ – NEL VOTO IL PESO DELLA POLITICA LOCALE …

SANITÀ – NEL VOTO IL PESO DELLA POLITICA LOCALE

Con il voto di domenica scorsa i cittadini hanno detto NO anche alle politiche locali e in particolare a quelle sanitarie, ostinatamente imposte dalla Regione Marche, con il beneplacito del sindaco Matteo Ricci, senza possibilità di dialogo con il territorio.

Determinante a mio parere quella che ritengo essere una lunga e ininterrotta serie di errori che abbiamo da sempre contrastato, con atti in consiglio comunale:

– mancanza assoluta di condivisione e di trasparenza nelle scelte gestionali
– perdita degli ospedali dell’entroterra e riduzione dei posti letto già sottodimensionati
– localizzazione a Muraglia dell’ormai impopolare ospedale provinciale, irrealizzabile senza cospicui fondi privati
– perdita dell’ospedale di Fano ridotto a funzioni di emergenza e diagnostica, e previsione di una struttura privata
– privatizzazione di alcuni servizi ospedalieri del territorio provinciale
e, per ultimo, la recente proposta di legge 145 sulle sperimentazioni gestionali aperte a privati, che per fortuna non è stata ancora approvata e che a questo punto mi auguro venga definitivamente accantonata.

La risposta in consiglio comunale alle nostre proposte e interrogazioni?
Nessuna!

Questa maggioranza, con indifferenza e talvolta anche ironia, ha impedito un dibattito SERIO sulla sanità della nostra città, dibattito “ingessato” da anni sulla realizzazione e localizzazione della nuova struttura, quando i cittadini tutti i giorni pagano le conseguenze di una gestione fallimentare!

Ma ora che finalmente è arrivata la risposta, anche dagli stessi cittadini di Pesaro, secondo me tutte queste scelte, fatte tra l’altro senza il consenso delle comunità, andrebbero immediatamente riviste.

Non credo purtroppo che con l’attuale amministrazione questo accadrà, ma di certo è il primo compito del MoVimento 5 Stelle che nei prossimi anni potrebbe essere chiamato dai cittadini a governare diversi Comuni della regione e forse la Regione stessa!

La nostra proposta (allegata una sintesi) per la sanità è pronta, trasparente, democratica e i cittadini evidentemente l’hanno apprezzata.

Silvia D’Emidio
Portavoce comunale M5S Pesaro

Articolo Corriere Adriatico 11.03.2018

PROBLEMA SICUREZZA? …

PROBLEMA SICUREZZA? …

PROBLEMA SICUREZZA?
MINNITI (PD) PROMETTE AGENTI A TUTTI!

PESARO 31 Gennaio 2018 MINNITI:
“la richiesta dei sindacati di Polizia di un aumento è giusta e la condivido. GIA’ IN QUESTE ORE PROVVEDEREMO A RAFFORZARLE per il 150° Rossiniano”

NON VERO!!
L’unica cosa che ha fatto è stata quella di inviare pattuglie del reparto prevenzione crimine da Bologna saltuariamente, ma… questo avveniva già prima delle sue dichiarazioni!!

Caro candidato per il PD a Pesaro… Siamo arrivati al 2 Marzo!
Dove sono questi nuovi agenti? Non dovevano essere addirittura 30?
Nemmeno un acconto ci hai dato?

VUOI VEDERE CHE CI PRENDE IN GIRO?
Sapete in quante città è andato ULTIMAMENTE Minniti e ha promesso un aiuto per la Sicurezza?

Qualcuna ne abbiamo trovata:

27/11/2017 OSTIA – Minniti:
“In arrivo agenti e volanti”
16/12/2017 RIMINI – Minniti:
“In arrivo un centinaio di agenti”
11/01/2018 PISA – Minniti:
“Nuovi agenti per Pisa”
16/01/2018 NAPOLI – Minniti
“In arrivo nuovi agenti”
18/01/2018 NUORO – Minniti
“Più agenti a presidio dell’isola”
12/02/2018 FIRENZE – Minniti
“Più agenti e pattuglie per la città”
Più quelli promessi a Gennaio che dovevano arrivare nella nostra Città!

Ma allora lo fa in ogni città in cui va!
Bravo Minniti!
A Pesaro come le altre volte verrai con la scorta e sarà il massimo degli agenti che vedremo!
Si, perchè ricordiamo che è già venuto in diverse occasioni ma non ha mai fatto nulla!!

Forse MINNITI ama e conosce Pesaro!
E’ questo il motivo che ha spinto lui, di Reggio Calabria, a essere CANDIDATO A PESARO?
Ma allora perchè lo troviamo CANDIDATO ANCHE A VENEZIA?
E perchè è CANDIDATO ANCHE A SALERNO (assieme al famoso De Luca jr.)?
Non lo fa per la POLTRONA!
Lui no!!
“ma mi faccia il piacere!” recitava Totò!

Però ci viene un dubbio…
forse quando parla di tutti questi “agenti” in arrivo, e vista la neve che ha fatto in questi giorni, che faccia riferimento a quelli atmosferici?

I portavoce in consiglio comunale M5S Pesaro

#MINNITIPROMETTEATUTTI
#BEATOCHICICREDE
#MINNITIAPOLTRONEESOFA’
#MICANDIDOAPESARO #ANCHEAVENEZIA #PERCHENOASALERNO?

IL 4 MARZO SCEGLI LA SANITÀ PUBBLICA VICINA AI …

IL 4 MARZO SCEGLI LA SANITÀ PUBBLICA VICINA AI …

IL 4 MARZO SCEGLI LA SANITÀ PUBBLICA VICINA AI CITTADINI

Il 4 marzo siamo chiamati a scegliere anche il sistema sanitario del nostro Paese e vogliamo fare un appello a tutti i cittadini della nostra provincia, particolarmente colpiti da una riforma sanitaria fallimentare.

Favorire l’equità di accesso ai servizi sanitari a partire dal contrasto delle liste d’attesa, attraverso maggiori risorse, tecnologia, merito e trasparenza, lotta alla corruzione, agli sprechi, alle inefficienze, a partire dalla riforma del sistema della nomina delle figure dirigenziali, nonché lotta al dirottamento dei servizi alla sanità privata, sono tra i punti principali del programma sulla sanità del M5S.

Ricordiamo che la campagna elettorale del nostro attuale Presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, che non ha ceduto la delega alla sanità, è stata in parte finanziata da società che operano nella sanità privata e oggi non mancano pericolose proposte legislative per facilitare il processo di privatizzazione delle nostre strutture sanitarie.

Oltre al programma nazionale (https://www.movimento5stelle.it/programma/salute.html), è anche disponibile una proposta di gestione della sanità dell’area vasta 1 elaborata dai gruppi locali Movimento 5 Stelle della nostra provincia.

I portavoce in consiglio comunale M5S Pesaro

La richiesta di accesso agli atti è una normale …

La richiesta di accesso agli atti è una normale …

La richiesta di accesso agli atti è una normale informativa per richiedere una specifica documentazione.
La può fare qualsiasi cittadino.
L’Amministrazione ha 20/30 giorni di tempo per rispondere.

Visto che ad Amat vengono affidati molti soldi da parte del Comune di Pesaro per alcune manifestazioni e da un paio di anni gestisce quasi tutti gli eventi estivi della città, ci sembrava normale richiedere al Comune stesso un elenco e le specificità delle spese sostenute (stiamo parlando di oltre 1,1 milione di euro a stagione).

La prima l’abbiamo fatta nel 2015; l’ultima ad aprile 2017, sollecitando verbalmente sia in diverse commissioni che in Consiglio Comunale.
Avendo ricevuto in tutto questo periodo tante promesse ma in pratica solo alcuni fogli, ci siamo rivolti allora all’Ombudsman regionale, che svolge le funzioni del difensore civico.

L’Ombudsman ha scritto ad Amat e al Comune: dopo poche settimane ci sono stati consegnati da Amat (tramite gli uffici del Comune) per la stagione del 2016 ben cinque volumi alti almeno 10 cm ognuno!

Quando dicono che non c’è nessun problema ma poi non consegnano nulla, allora qualche sospetto viene.

E sapendo che Amat non fa alcun bando e gestisce le proprie manifestazioni attraverso affidamento diretto a chi vuole, la cosa ci ha insospettito.
Perchè la maggior parte di questi soldi sono del Comune.

Guarda caso!!

I portavoce in consiglio comunale M5S Pesaro

Articolo Resto del Carlino 01.03.2018