Per quanto riguarda l’aria installeremo centraline rilevatrici di polveri sottili per ogni quartiere della città allo scopo di avere una valutazione reale dello stato dell’aria, non come oggi che le centraline sono due e dislocate in punti strategici. I dati scaturiti dalle centraline verranno pubblicati bimestralmente nel bollettino ambiente collegato alla app comunale come per l’acqua in modo da mantenere il cittadino sempre aggiornato. Le analisi sull’aria verranno eseguite ogni sei mesi anche su vari altri inquinanti che normalmente vengono trascurati. Per quanto riguarda l’inquinamento da gas di scarico dovuti alla circolazione delle auto, aumenteremo la possibilità di muoversi tramite navette pubbliche. Diminuiremo anche i parcheggi a pagamento per evitare che i cittadini facciano chilometri alla ricerca di un posto libero inquinando enormemente. Tutti il sistema parcheggi sarà rivalutato non con un’ottica di profitto ma di funzionalità, Il primo provvedimento che attueremo sarà il ripristino delle fasce orarie dei parcheggi a pagamento per favorire le attività che nella pausa pranzo lavorano con i clienti degli uffici adiacenti. Verranno programmate azioni capillari di governo degli spostamenti casa-lavoro attraverso la figura del mobility manager. Una figura che nasce dall’esigenza di agire sul motivo di spostamento più sistematicamente ripetitivo nel quadro della mobilità urbana; si tratta dello sviluppo e messa a punto di un insieme di misure e strumenti per la riorganizzazione degli spostamenti del personale di grandi aziende ed enti, ma anche per razionalizzare quelli che interessano centri commerciali, ospedali, università. Anche Pesaro, seguendo l’esempio di altri comuni, si doterà di “Buoni Mobilità”. Una forma particolare di incentivo destinata a tutti coloro che dimostrano di recarsi al posto di lavoro, o accompagnano i propri figli a scuola, utilizzando mezzi di trasporto sostenibili, (auto elettriche, a metano e mezzi pubblici, biciclette al di sopra dei 5 km percorsi) I buoni di mobilità daranno la possibilità di avere agevolazioni economiche sui trasporti o altre forme di sgravi fiscali.