Per quanto riguarda il verde urbano i nostri progetti sono sicuramente ambiziosi, ma facilmente attuabili con costi decisamente ridotti.

La gestione del verde pubblico nell’odierna amministrazione è gestita da più enti che spesso si accavallano e rendono gli interventi burocraticamente lenti, intempestivi e disorganizzati.

Il nostro primo intervento sarà quello di incaricare un solo ente come responsabile del verde urbano.

L’odierna amministrazione si avvale per la manutenzione del verde urbano di cooperative, le quali dovranno lavorare utilizzando personale regolarmente formato, e sotto la supervisione del Comune, inoltre il nostro ambizioso progetto vede l’utilizzo per la manutenzione del verde e per i lavori ad esso connessi di cassaintegrati e disoccupati della nostra città regolarmente iscritti al job con il duplice scopo di creare occupazione locale e svolgere nel contempo un’azione sociale di concerto con i servizi sociali comunali.

Siamo convinti che vista la grave crisi che colpisce Pesaro, sarebbe bene aiutare i nostri concittadini a ricollocarsi, perché la nostra concezione del Comune è quello di un’entità vicina alle problematiche delle persone che lo abitano. Redigeremo a tal fine un regolamento in cui le cooperative di produzione e lavoro che collaborano con il Comune o che si avvalgano delle gare d’appalto comunali dovranno essere iscritte ad un albo che si faccia garante del rispetto di determinati parametri ed opereranno sotto la stretta supervisione del Comune.

L’attuale amministrazione acquista il verde per l’abbellimento e la piantumazione in città per il 70% fuori regione tramite le cooperative, la nostra idea è quella di utilizzare primariamente aziende che operano nel territorio comunale e nella regione Marche.

L’utilizzo delle persone socialmente sensibili, quali Disoccupati, Cassa integrati ecc.… ci permetterà un tipo di manutenzione intelligente senza l’utilizzo di fitofarmaci e diserbanti che vengono oggi largamente utilizzati nella odierna gestione del verde pubblico. Questo progetto oltre ad abbassare i costi di gestione drasticamente ha anche una grandissima valenza sociale.

Verranno istituiti degli spazi coltivabili che abbiamo chiamato Orti di cittadinanza

Con Orti di cittadinanza si intendono degli appezzamenti di terreno di mq 50 dotati di bocchette per l’approvvigionamento idrico che il Comune di Pesaro metterà a disposizione in comodato gratuito per la coltivazione di ortaggi a coloro che rientrano nelle specifiche del regolamento come di seguito espresso.

Il Comune di Pesaro allestirà all’interno dell’area orti una struttura per il ricovero degli attrezzi e dei mezzi tecnici utilizzati per la coltivazione ed una struttura che verrà individuata nei pressi degli orti o altrove che sarà adibita a mercato per la vendita degli ortaggi prodotti esclusivamente negli orti di cittadinanza.

Questa misura è da considerarsi di tipo socio-assistenziale.

Il Comune, attraverso l’iniziativa degli orti di cittadinanza si propone di:

Permettere a chi cerca o a perso il lavoro di mantenersi impegnato e di usufruire di un piccolo reddito derivato dalla vendita dei prodotti a chilometro zero nell’attesa di trovare un impiego definitivo.

Creare percorsi di cittadinanza attiva come occasioni di aggregazione sociale che favoriscano i rapporti interpersonali, la conoscenza e la valorizzazione dell’ambiente, nonché lo svolgimento di attività utili alla prevenzione, al mantenimento e alla cura della salute.

Sensibilizzare i cittadini sull’esigenza di salvaguardare e riqualificare il territorio comunale attraverso processi di autogestione del patrimonio comune.

Stimolare e accrescere il senso di appartenenza alla comunità;

Favorire una risposta adeguata all’esigenza di un’alimentazione sana e sicura.

Recuperare spazi pubblici con finalità sociali e di miglioramento anche estetico del paesaggio, incrementandone l’efficienza e valorizzando il concetto di bene comune

Dare a tali aree valore di qualità contro il degrado, il consumo di territorio e per la tutela dell’ambiente.

Verranno creati nella città, nelle aiuole, negli spazi già esistenti e in quelle che si andranno a creare dei giardini floreali come già la nostra città aveva un tempo, Pesaro tornerà ad essere la città fiorita per eccellenza con grande incentivo al turismo.

Le famiglie pesaresi saranno invogliate a creare i loro personali terrazzi fioriti ed ogni anno si terrà un concorso fotografico che permetterà ai più bei giardini e balconi fioriti di vincere come premio sgravi fiscali su tasse di competenza comunale.

Decoro: con questo progetto la nostra città diventerà un giardino a costo zero e la gestione del verde diventerà partecipata dalla cittadinanza.