Nacque nel 1996 con l’intento di promuovere l’arte contemporanea e stimolare il dibattito culturale e artistico a Pesaro. Si trattò di una sfida coraggiosa, con l’obiettivo di operare un cambiamento culturale della città, trasformando il vecchio mercato del pesce, in spazio espositivo per le espressioni artistiche d’avanguardia. Uno dei poli di eccellenza dell’arte contemporanea nella Regione Marche. Negli anni la Pescheria si è distinta nella promozione dell’arte italiana emergente con mostre personali di artisti della pittura, scultura e fotografia di fama mondiale. Non sono mancate iniziative collaterali come conferenze, incontri, attività didattiche e ricreative, progetti per aumentare la visibilità di Fondazione Pescheria sul territorio cittadino, provinciale, regionale, nazionale ed internazionale. Inizialmente era seguita da un direttore e un curatore, poi, con l’attuale giunta comunale, sono stati tagliati i fondi e in seguito acquisita gestionalmente dal Comune, spersonalizzandola e limitandola ulteriormente.