/ gennaio 21, 2018/ M5S-Pesaro

Bianca e Luisella: i Sindaci di Pesaro, Fano e Gabicce ora rispondano con un atto concreto e aderiscano al ricorso avviato dal Comune di Cattolica

Ora non ci sono più scuse e il tempo stringe.
Il Comune di Cattolica presenterà ricorso contro la piattaforma Bianca e Luisella e venerdì, con una PEC, ha invitato tutti i Sindaci coinvolti, dei Comuni della riviera da Rimini a Fano, ad aderire, a pieno titolo entro il 27 gennaio, o anche successivamente, ad adiuvandum con modalità concordate con il legale incaricato.

A Pesaro, il Consiglio Comunale si è già espresso nel gennaio 2016 e ha impegnato il Sindaco a contrastare con ogni mezzo possibile, quest’opera inutile e dannosa per la salute dei nostri mari e per la vocazione turistica delle nostre città.
A Fano le cose andarono peggio il 30/11/2015 quando il Consiglio Comunale bocciò la mozione del Movimento 5 Stelle con la scusa che l’azione proposta era isolata e sarebbero state invece necessarie “azioni concertate dentro una strategia complessiva” .
Quale migliore occasione quindi se non quella proposta oggi dal Comune di Cattolica?
I consiglieri M5S di Fano lo chiederanno con una interrogazione urgente lunedì, mentre i consiglieri pesaresi, nell’assise di lunedì prossimo non solo riceveranno risposta dal Sindaco su quanto fatto fin’ora, ma presenteranno una mozione con carattere d’urgenza per chiedere al Sindaco di rispondere positivamente all’invito fatto dal Comune di Cattolica.

Il Movimento 5 Stelle, in tutti comuni interessati, Fano, Pesaro e Gabicce Mare, chiedono quindi a gran voce ai propri Sindaci di aderire al ricorso, anche in adiuvandum, opzione quest’ultima, che comporterebbe pochissime spese per la collettività, a fronte di un’azione concreta, incisiva e fondamentale per salvaguardare il nostro mare, le nostre coste, le loro qualità naturalistiche e la loro vocazione prevalentemente turistica.

I portavoce in consiglio comunale M5S Pesaro, Fano e Gabicce Mare